Passione deriva dal termine latino patior, che significa soffrire, provare, sopportare o patire. In altre parole, si tratta di un insieme di condizioni caratteristiche di un atteggiamento passivo dell’individuo, per opposizione agli stati di cui si è attivamente la causa. Tale senso del termine è rimasto ed un nuovo significato ne è derivato: la parola passione è adoperata difatti, oggigiorno anche per riferirsi ad un’emozione che è più forte di noi, che in un certo senso si subisce, come nell’espressione “avere una passione per qualche cosa”. La passione amorosa è il paradosso che vede la ragione scontrarsi con il desiderio dell’altro.Il bisogno della presenza è così forte da trasformarsi in assenza, questo proprio perché la sensazione che soggiace al sentimento passionale è il pensare di non conoscere mai abbastanza l’oggetto dei propri desideri. L’oggetto/soggetto passione è indecifrabile e mai conoscibile fino in fondo. Se si tratta di una persona spesso si pensa: ” i suoi occhi mi dicono tutto ma non arrivo mai alla soluzione”, “lo sento”. Un enigma, un mistero che mai finirà. La passione è una “stregoneria” da cui non si può fuggire. La passione è qualcosa che si subisce ma per quanto razionalizzata è impossibile sfuggirvi. Il classico finale è la morte per delitto passionale, come ultimo ricongiungimento di due soggetti che mai fino in fondo hanno potuto fondersi, se non attraverso la dolce morte.

Le passioni sono difetti o virtù, solamente se portate all’estremo.
Goethe, Johann Wolfgang Massime e riflessioni.

Tutto ha un limite, anche le passioni umane.
Napoleone Bonaparte Aforismi, massime e pensieri, Newton Compton

Le passioni sulla cui origine ci inganniamo sono quelle che ci dominano più fortemente. I nostri stimoli più deboli sono quelli della cui natura ci rendiamo conto.
Wilde, Oscar Il ritratto di Dorian Gray

Annunci