Tag


Dal pescivendolo fatevi tagliare un palombo, una coda di rospo e una decina di grosse triglie fatte a filetti.
Aggiungete mezzo chilo di gamberetti e di seppie a cui fate togliere il carapace nel primo e il becco nel secondo.
Per ultime 500g di vongole.
Potete fare anche da soli, ma vi assicuro che il vostro pescivendolo di fiducia impiegherà un terzo del vostro tempo. 🙂

Mettete le vongole in un colino con il sale fino, immergetelo in un recipiente pieno d’acqua e lasciatele spurgare per 30 minuti.

In una capiente padella mettete olio d’oliva, prezzemolo e aglio tritati. Fate scaldare e versate le seppie tagliate a strisce larghe e i gamberetti. Salate e pepate.
Dopo 10 minuti bagnate con un bicchiere di vino e lasciate sfumare.
Versate 250 g di polpa di pomodoro, aggiustare con insaporitore per pesce, aggiungete la coda di rospo e il palombo. Lasciate cuocere a fuoco basso in modo che raggiunga lentamente il bollore e lo mantenga per 20 minuti.
Scolate le vongole dall’acqua e sciacquatele sotto l’acqua corrente e versatele nella pentola con il resto del pesce.
Dopo 15 minuti aggiungete prezzemolo fresco tritato, spegnete e portate in tavola con pane abbrustolito.

Annunci